Servizi - Chirurgia Plastica

Chirurgia Plastica

La Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica nasce come  branca della Chirurgia Generale che si propone di correggere e riparare i difetti morfologico-funzionali o le perdite di sostanza di svariati tessuti (cute, sottocute, fasce, muscoli, ossa, ecc.) sia congenite, che secondarie a traumi, neoplasie o malattie degenerative.
La Chirurgia Plastica è una delle poche specializzazioni chirurgiche non "distrettuali" o di "apparato" opera quindi su qualsiasi distretto corporeo.
Ciò comporta un percorso formativo molto articolato ed impegnativo, che spesso porta a diverse sub-specializzazioni:
la chirurgia della testa-collo
la chirurgia della mammella
la chirurgia della mano
la chirurgia post bariatrica
il rimodellamento corporeo (il cosiddetto body-contouring)
la chirurgia degli arti inferiori
la chirurgia delle ustioni
la chirurgia estetica
 è una branca della chirurgia plastica ricostruttiva e non esiste come specializzazione isolata.
Il Chirurgo che effettua la chirurgia estetica è colui che ha alle spalle un percorso formativo lungo e completo, in una delle specialità chirurgiche della medicina, come quella della Chirurgia plastica rcostruttiva.


Prestazioni e Trattamenti effettuabili per: Chirurgia Plastica

Mastoplastica additiva e riduttiva:
Nella Chirurgia estetica del seno, spesso gli interventi, con le moderne tecniche, possono essere abbinati tra di loro, o con procedure di Chirurgia estetica del corpo.
In tali casi, è probabile che come principio generale di cautela per la tua sicurezza, suggerisca il passaggio da Day hospital a degenza.
Ci sono invece casi dove, per raggiungere i risultati che ti aspetti, è consigliabile l'abbinamento con programmi di Medicina Estetica del distretto, oppure, semplicemente, se non presenti le indicazioni per l'intervento, il tuo inestetismo può essere meglio fronteggiato con le più innovative tecniche di Medicina Estetica come il Macrolane® per l'ingrandimento non chirurgico del seno.

Mastoplastica additiva:
La priorità è rivolta alla realizzazione di un seno "naturale".
Ogni donna ha caratteristiche fisiche e tissutali diverse, così come differenti sono le aspettative di ciascuna.
La scelta delle protesi, come la tecnica chirurgica, vanno valutate quindi attentamente, perché un seno studiato e realizzato "su misura" è, senza alcun dubbio, un seno più bello e dall'aspetto autentico, proporzionato e naturale.
Un apprezzabile ingrandimento del seno deve tenere conto di 4 fattori principali: spessore della pelle spessore dell'impianto mammario quantità di materiale contenuto nella protesi diametro e proiezione della protesi.

Mastoplastica riduttiva:
La condizione di ipertrofia, specie se di grado elevato, può determinare disturbi, non solo di carattere estetico, ma anche funzionale:
tensione dolorosa alla cute, lordosi e scoliosi, intertrigini ed eczemi.
Esistono ipertrofie mammarie pure, cioè, dovute all'aumento della ghiandola e quindi più frequenti nelle adolescenti, ipertrofie miste in cui la componente ghiandolare è infiltrata abbondantemente da tessuto adiposo, e quindi tipiche nelle donne dopo il parto, oppure ipertrofie esclusivamente adipose, cioè associate ad obesità, oppure a soprappeso.
Le moderne tecniche operatorie prevedono l'asportazione del tessuto in eccesso, fino ad ottenere la giusta dimensione.
Il tessuto residuo viene rimodellato, senza punti esterni.

 

Ginecomastia
Il corpo maschile attraversa una certa attività ghiandolare nell’area del seno durante l’età puberale che, trascorsa l’adolescenza, si arresta.
Molti ragazzi dopo i 14 anni possono presentare principi di ginecomastia – ingrossamento del seno maschile –  che rendono evidenti le mammelle: questo volume anomalo si normalizza poi nella maggior parte dei soggetti. Nei casi in cui lo stato di ginecomastia permane il seno diventa anche molto evidente e crea problemi psicologici e di relazione.
Il seno maschile, in condizioni particolari, può diventare del tutto simile a quello femminile. L’intervento di correzione della ginecomastia si pone come soluzione a questo inestetismo, ridando al fisico maschile leproporzioni e la silhouette naturale.

Mastopessi
L'intervento di mastopessi si effettua per corregere un seno flaccido e cadente, rimodellandolo, e ridonandogli la giusta forma e posizione.

Lipofilling (aumento mediante infiltrazione di grasso autologo)
La tecnica di lipofilling permette di rimodellare la silhouette in modo sicuro e naturale.

Chirurgia ricostruttiva post mastectomia o quandrantectomia

 

 

Blefaroplastica:
La blefaroplastica è l’intervento chirurgico che permette di correggere l’eccesso cutaneo e gli accumuli di grasso che possono occorrere nell’area oculare. Permette di tonificare la cute sottile del contorno occhi, eliminando palpebre cadenti, occhiaie e borse sotto gli occhi.

Questo intervento porta anche benefici a livello oculistico, consentendo al paziente di aprire meglio gli occhi e ripristinando il corretto campo visivo. Nel complesso, la blefaroplastica dona al viso un aspetto più giovane e rilassato.
Se si desidera intervenire anche sulle rughe oculari, è possibile abbinare alla blefaroplastica altri interventi e trattamenti quali il lifting temporale, le metodiche laser o il botulino.
 
I vantaggi
ringiovanimentodello sguardo
riduzionedelle occhiaie
riduzionedelle borse sotto gli occhi
scomparsadel senso di pesantezza agli occhi
miglioramento del campo visivo
 
Indicazioni per la blefaroplastica
La blefaroplastica è indicata per i pazienti, di tutte le età e di entrambi i sessi, che presentano una o più delle seguenti condizioni:
eccesso di pelle della palpebra superiore, dovuta ad una mancanza di elasticità della pelle causata principalmente dall’invecchiamento
pelle sottile al di sotto della palpebra inferiore che lascia intravedere i tessuti sottostanti (occhiaie scure)
accumulo di grasso sottocutaneo al di sotto della palpebra inferiore (borse sotto gli occhi)
Stile di vita, abitudini alimentari, fattori genetici e ambientali possono far insorgere questi inestetismi anche in pazienti di giovane età. 
 
Blefaroplastica: tipologie
A seconda dell’area interessata la blefaroplastica può essere:
superiore (quando si agisce sulla palpebra superiore)
inferiore (quando si correggono occhiaie e borse)
completa (l’intervento corregge gli inestetismi di entrambe le palpebre) 
 
 
 
Lifting facciale
L’intervento di lifting può durare da una a tre ore ed è svolto normalmente in regime di anestesia totale o locale con sedazione. 
Il chirurgo esegue delle sottili incisioni che resteranno nascoste dai capelli e dalle orecchie e procederà al riposizionamento e alla messa in trazione dei tessuti. Se si desidera migliorare anche l’aspetto del collo sarà necessaria una incisione aggiuntiva al di sotto del mento. 
Se necessario saranno applicati dei drenaggi per permette un veloce deflusso dei liquidi: questo e altri dettagli, come il tipo di anestesia e l’entità dell’intervento, saranno definiti nel corso della visita preoperatoria con il chirurgo. 
I risultati saranno gradevoli e dureranno diversi anni: è necessario ricordare che interventi come questo combattono e ritardano, ma non annullano gli effetti del normale invecchiamento cutaneo. Il viso apparirà più giovane, la pelle più liscia e tonica, le rughe distese, in quanto pelle e muscoli del volto sono stati tesi. 
Le cicatrici saranno sottili, poco visibili e tenderanno a sbiadire col tempo. Buona parte della pelle in eccesso sarà rimossa.
 
Lifting medio - facciale o mini Lifting 
Il minilifting consiste in un riposizionamento della cute che ha perso la sua tonicità con lo scopo di rafforzare la pelle e distendere le rughe, mentre il lifting facciale completo permette di agire anche sulle strutture sottostanti, ovvero i muscoli e adiposità del viso.
Essendo un intervento meno invasivo del lifting tradizionale, il minilifting comporta minore ecchimosi, cicatrici più contenute e tempi di recupero ridotti.
 
Lifting del collo
Lifting temporale
 
Otoplastica 
Le orecchie a sventola – o orecchie prominenti – sono forse uno degli inestetismi del volto che creano più disagio a persone di ogni sesso ed età.
La presenza di questa conformazione del padiglione auricolare non causa alcun tipo di disturbo alla funzionalità dell’organo uditivo, ma crea imbarazzo in chi ne è soggetto, specialmente in giovane età.
L’otoplastica aiuta a correggere l’eccesso di cartilagine dei padiglioni auricolari, regolarizzandone la forma. È inoltre utile per rimodellare altri particolari del padiglione e del lobo o per eliminare eventuali asimmetrie dovute a difetti congeniti o traumi. 
 
Indicazioni per l’otoplastica
L’otoplastica è uno degli interventi più comuni e richiesti di chirurgia estetica e non presenta particolari restrizioni o controindicazioni.
Poiché la cartilagine dell’orecchio è già quasi completamente sviluppata attorno ai 5 anni, è possibile correggere i padiglioni auricolari dei bambini: l’estetica delle orecchie sarà migliorata, il disagio provocato dalle orecchie prominenti evitato. 
La cartilagine di un adulto non presenta la stessa duttilità di quella di un bambino: per questo correggere le orecchie a sventola da bambini offre:
un modellamento più semplice ed efficace
notevoli benefici psicologici
 
Mentoplastica (correzione profilo)
Una sproporzione tra i volumi del volto può rendere sgraziato e non equilibrato un viso altrimenti piacevole: la chirurgia estetica può aiutare a riequilibrarei volumi del viso e valorizzarne la bellezza.Uno degli interventi più richiesti per riproporzionale il profilo è sicuramente la mentoplastica, detta anche profiloplastica, la metodica che permette di rimodellare un mento troppo sfuggente o ingentilire una mascella troppo mascolina, migliorando la percezione di sé.
Vantaggi della mentoplastica
Riduzione del mento eccessivamente importante
Corregge il mento sfuggente
Rende il viso più armonico e ne valorizza i lineamenti
 
Lipofilling (infiltrazione di grasso autologo)
L’invecchiamento del viso, oltre a causare la perdita dell’elasticità cutanea, provoca anche la perdita di volume nell’area degli zigomi, delle guance e del mento.
Per recuperare i volumi persi e ottenere un ovale del viso nuovamente giovane ed armonico è possibile ricorrere alla tecnica di lipofilling, metodica sempre più utilizzata per ripristinare i volumi di varie parti del corpo. 
Oltre che migliorare i volumi del viso il lipofilling fa parte dei trattamenti detti di medicina e chirurgia rigenerativa.
Questo concetto è legato alla presenza di cellule staminali del grasso che diventando cellule della matrice cellulare dermica hanno un marcato effetto sul ringiovanimento della cute perché si produce più collagene, elastina ed acido ialuronico.
 
 
Rimodellamento ovale del viso con Face Tite (lifting mini - invasivo)
Face Tite é una nuovissima metodica di ringiovanimento del volto per correggere i segni dell’ invecchiamento, flaccidita cutanea con o senza adiposità.
Il FaceTite consente quindi di eseguire un lifting del volto senza cicatrici visibili.
Da un foro di appena 1 millimetro all’attaccatura del lobo dell’orecchio e uno sotto il mento si inserisce una piccolissima cannula che scorre sotto la pelle. La cannula emette dell’energia a radiofrequenza.
La radiofrequenza del FaceTite ha la capacità di stirare e tonificare la pelle e di rimuovere il grasso eventualmente presente come nel doppio mento.
FaceTite è una soluzione minimamente invasiva per scolpire il viso e le parti del corpo dalle dimensioni più ridotte. I risultati ottenibili sono simili a quelli di un lifting facciale a volte se non superiori come nei casi di correzione del margine mandibolare (bargiglio).
E’ un trattamento sicuro, indiscutibilmente efficace ed entusiasmante nei risultati, che offre ai pazienti cambiamenti estetici molto significativi e concreti.
 
Revisioni cicatrici viso 
 
 
Addomino - Plastica
Il rimodellamento dell'addome eseguito con Addomino - Plastica  richiede un'incisione che dal pube arriva alle spine iliache, un'altra nascosta nell'ombelico tale da risultare invisibile, e quindi uno scollamento cutaneo di tutta la regione addominale.
Da qui si passa all'asportazione della cute in eccesso, all'avvicinamento delle fasce muscolari, al riposizionamento dell'ombelico.
Questa procedura può essere o meno associata ad aspirazione del grasso in eccesso nella zona fianchi/ventre (cosiddette "pancia e maniglie dell'amore").
Per un buon rimodellamento dei fianchi, in fase di avvicinamento, sulla linea mediana, dei muscoli retti, vengono ripresi, se è il caso anche i muscoli obliqui.
L'attenzione dedicata al sistema superficiale di fasce consente di sollevare efficacemente i tessuti soggetti a ptosi e di fornire un sostegno di lunga durata con risultati naturali, anche durante attività dinamiche.
Nei casi di asportazioni molto estese, l'intervento viene praticato in anestesia generale
 
Liposcultura Laser
La liposcultura, ovvero l’eliminazione del grasso tramite liposuzione e il conseguente rimodellamento della silhouette eseguito per rispettare l’armonia delle forme del corpo, è in assoluto uno degli interventi di chirurgia estetica più richiesti al mondo.
Sotto l’etichetta “liposcultura” sono riunite più metodiche che differiscono tra loro per la strumentazione utilizzata, ma che hanno tutte il medesimo scopo: eliminare gli accumuli di grassoostinato che non rispondono a diete ed attività fisica.
 
Liposuzione
 
Lifting interno coscia
Le donne – e in alcuni casi anche gli uomini – spesso presentano un difetto fisico che può creare disagio psicologico e compromettere l’autostima: l’eccessivo rilassamento della cute dell’interno coscia. 
Questo disturbo, che non sempre è legato all’età, al peso eccessivo o a un dimagrimento repentino ma anche alla predisposizione genetica e a fattori ormonali, può essere risolto grazie all’intervento di lifting chirurgico alle cosce.
 
 
Lifting braccia  (brachioplstica)
L’età, l’eccesso cutaneo, i depositi adiposi ma anche la predisposizione genetica possono causare alla pelle delle braccia un rilassamento eccessivo. Questo effetto dell’invecchiamento è refrattario alle metodiche non invasive e difficilmente trattabile dalla chirurgia.
Il lifting delle braccia è l’intervento che permette di risolvere al meglio questo inestetismo: altre metodiche infatti, come la liposuzione, nonostante limitino le cicatrici rischiano di aggravare il rilassamento cutaneo e, in pazienti avanti con l’età, peggiorarel’aspettogrinzoso della cute.
 
 
Mini - addominoplastica
L’intervento di mini addominoplastica è la soluzione mini invasiva adatta per i problemi di lassità cutanea e accumulo di adipe che interessano l’area addominale al di sotto dell’ombelico. Interessando una zona circoscritta, questa metodica prevede uno scollamento e delle cicatrici di minore entità rispetto all’addominoplastica, non richiedendo inoltre il riposizionamento dell’ombelico.
Come nel caso dell’addominoplastica, la mini addominoplastica può essere abbinata a una liposuzione dei fianchi e della regione sotto costale. 
 
Rimodellamento corporeo a radiofrequenza (Body Tite)
 
Lipofilling rimodellamento gluteo 
Un sedere naturalmente piccolo o piatto, dei glutei svuotati a causa di dimagrimenti repentini oppure cadenti per il naturale invecchiamento dell’organismo possono compromettere la silhouette del corpo e far perdere armonia alla figura.
L’elasticità cutanea diminuisce, così come lo spessore adiposo e il tono muscolare: la chirurgia estetica permette di far fronte a questo processo, con una serie di interventi e metodiche volte a ripristinare – o migliorare – la forma dei glutei.
Le diverse tecniche di gluteoplastica
La forma e la proiezione dei glutei possono essere migliorate con fondamentalmente due tecniche: l’impianto di protesi e il lipofilling.
Lipofilling
È possibile sfruttare le aree di grasso localizzato del paziente – se il tessuto adiposo è presente nella giusta quantità – per rimodellare i glutei. Le cellule adipose vengono aspirate tramite delle cannule di calibro molto sottile dalle aree di elezione dell’accumulo del grasso, quali addome, fianchi o cosce. 
Il materiale adiposo vienecentrifugato e purificato per poi essere reiniettato nei glutei del paziente. Essendo il materiale utilizzato proveniente dall’organismo stesso del paziente, il rischio di rigetto o complicanze è nullo.
Per sua stessa natura il grasso autologo è soggetto a un parziale riassorbimento, portando ad una riduzione di circa il 30% del materiale innestato.
 
Revisioni cicatrici corpo

Rinoplastica
Le proporzioni dei volumi del volto, l’aspetto e la natura dei propri lineamenti, il sesso e i tratti della personalità sono alcuni dei fattori che il chirurgo plastico deve considerare quando si confronta con i propri pazienti. In particolare, se il paziente desidera ricorrere a una rinoplastica per rimodellare l’aspetto del proprio viso, lo specialista dovrà definire un risultato finale che non vada a snaturare la naturalezza del volto.

Rinoplastica: i vantaggi
Miglioramento estetico del naso e profilo del volto
Miglioramento dell’armonia del viso
Miglioramento delle funzionalità respiratorie
 
Turbinati
Settoplastica
 
 

Potenzialità della medicina rigenerativa con cellule staminali:

La medicina rigenerativa è un trattamento medico utilizzato per rigenerare cellule, tessuti o organi e risanare funzioni corporee perse a causa di incidenti o malattie.
Esistono diversi tipi di medicina rigenerativa ed il trapianto di cellule staminali è uno di questi.
Negli ultimi anni, le cellule staminali sono state oggetto di studi estensivi, grazie allo sviluppo della cultura tecnologica, della citologia molecolare, dell'ingegneria tissutale e genetica.
Le cellule staminali hanno la capacità di trasformarsi in cellule specifiche e rinnovarsi in uno stato indifferenziato per un lungo periodo.
In altre parole, le cellule staminali sono le cellule maestre che crescono i organi e tessuti.
L'uso delle proprie cellule per rigenerare tessuti ed organi renderà sorpassati i problemi di rigetto immunologico ed i problemi etici.
Studi clinici sono stati condotti sulle terapie basate sull'utilizzo di cellule staminali per una moltitudine di problematiche, e l'efficacia è stata dimostrata.
I miglioramenti nelle terapie con cellule staminali sono ragguardevoli, ed i progressi degli ultimi anni suggeriscono che la terapia continuerà a svilupparsi e migliorare.
Cosa sono le cellule staminali da tessuto adiposo?
Le cellule stamina li da tessuto adiposo (o cellule rigenerative da tessuto adiposo) sono un genere di cellule staminali adulte presenti nel tessuto adiposo sottocutaneo, scoperte nel 2001 dal dottor Marc Hedrick,negli Stati Uniti.
La scoperta ha annunciato uno sviluppo significativo nel campo della medicina rigenerativa.
Il trapianto di cellule staminali da tessuto adiposo suscita ora l'interesse mondiale, e la tecnologia si sta traducendo in pratica clinica. Caratteristiche delle staminali derivate dal tessuto adiposo:
attraverso vari meccanismi, le staminali adipose possono differenziarsi in più tipi di cellule rispetto alle altre staminali e possono svolgere ruoli diversi.
Quelli più importanti comprendono la cicatrizzazione delle ferite, la differenziazione (trasformazione), l'immunomodulazione, l'angiogenesi, la prevenzione della necrosi cellulare e la segnalazione paracrina (*Segnalazione secretoria di sostanze endocrine che agiscono sulle cellule circostanti).
Ciò suggerisce che le staminali dell' adipe dovrebbero essere più versatili di altre e possono essere usate per il trattamento di varie patologie

Trapianto dei capelli - Tecnica FUE - HD 
 
Una valida soluzione per riavere i propri capelli è il trapianto monofollicolare con tecnica FUE, la nuova tecnica di trapianto di capelli a singole unità follicolari che permette un rinfoltimento dai risultati naturali e senza cicatrici visibili.
Il trapianto di capelli a singole unità follicolari si effettuariposizionandoin aree calve o diradate i capelli geneticamente non predisposti alla calvizie, cioè quelli della regione occipitale e temporale.
 
La procedura
La zona donatrice è la regione occipitale e temporale, la cosiddetta “corona ippocratica”, da dove i singoli bulbi piliferi vengono prelevati con dei micro-panch, consentendo microscopici prelievi di cuoio capelluto con i relativi bulbi piliferi.
Il bulbo integro prelevato verrà poi trapiantato nella zona da infoltire --- con l’utilizzo di microlame appositamente studiate.
 
I risultati
Il vantaggio di questa tecnica di trapianto dei capelli è la naturalità del risultato, ben differente dalla chirurgia di vecchia concezione che creava il famigerato “effetto bambola”. Lo strumento utilizzato al posto del bisturi elimina il dilemma della cicatrice: il prelievo dei bulbi, rimossi singolarmente, non lascerà tracce visibili e consentirà prelievi successivi sempre senza lasciare cicatrici.
Questa metodologia di trapianto di capelli non trapianta letteralmente i capelli, ma solamente le unità follicolari. Una singola unità follicolare contiene da uno a quattro follicoli (ovvero da uno a quattro capelli) ed è l’elemento più piccolo ed indivisibile naturalmente distribuito nel cuoio capelluto. Generalmente vengono innestati 2.000-2.500 unità follicolari equivalenti a circa 4.500-6.000 bulbi con un interventi della durata di circa 6 ore.
 
Il decorso post operatorio
Il trauma chirurgico che le unità follicolari subiscono durante l’intervento porta le stesse ad una fase di stasi di circa tre mesi (o, in alcuni casi, poco più).
Trascorsi tre mesi dall’intervento il paziente noterà una ricrescita consistente che aumenterà ulteriormente nei mesi successivi
 
 

Cos’è la Medicina Estetica

La medicina estetica è  una "relativamente nuova" branca medica, che si occupa di migliorare o prevenire gli inestetismi legati all’invecchiamento corporeo spesso vissuto psicologicamente male dal paziente perchè non accettato.

La medicina estetica, realizza fondamentalmente un programma di prevenzione dell'invecchiamento generale e di quello cutaneo in particolare, occupandosi della correzione degli inestetismi in particolare del viso e più genericamente del corpo.

La medicina estetica è una naturale evoluzione della Chirurgia Estetica, che con materiali e tecniche sempre più evolute diventa meno invasiva e sempre più ricercata ed accettata dai pazienti. La medicina estetica non è più solo appannaggio del Chirurgo Plastico, ma dalla sua nascita ufficiale negli anni ’70 è diventata una vera e propria specializzazione medica con diverse scuole di formazione.

Quindi alla medicina estetica accedono svariate figure mediche, la cosa importante è che sia l’attività principale quotidiana del medico che la svolge, in modo da garantire la massima attitudine e preparazione a compimento del trattamento più sicuro ed efficace per il paziente.

Viene  quindi naturale ad un Chirurgo Plastico, che svolge l’attività di chirurgia estetica, integrare, sviluppare e praticare quotidianamente la medicina estetica con le tecniche, i materiali e le tecnologie più adeguate ad ogni singolo caso.

 

Ultime novità medicina estetica 
Botulino - Filler - Fili di trazione

Fillers
I fillers sono materiali  iniettabili utilizzati in medicina estetica per ridare i volumi alle zone del viso che, con gli anni e con l'invecchiamento, sono diminuite.

Le aree più frequentemente trattate sono le labbra, gli zigomi e le rughe naso - labiali.
L'acido ialuronico è il filler di elezione per elezione per i trattamenti del viso, essendo altamente biocompatibile e totelmente bio - riassorbibile.

Botulino
Il botulino è una sostanza iniettabile indicata per il miglioramento delle rughe del terzo superiore del viso, in particolare quelle della fronte e quelle ai lati degli occhi (le cosiddette zampe di gallina).

Il risultato si può apprezzare dopo circa 7 -10 giorni poichè l'effetto del botulino si manifesta  nei giorni dopo il trattamento.
l'effetto distensivo dura alcuni mesi e ridona uno sguardo più rilassato e riposato. 

Labioplastica
Riduzione o correzione asimmetria delle piccole labbra

Imenoplastica
Ricostruzione imene

Laser tightening vaginale
Anche per incontinenza

Lipofilling


Richiedi un appuntamento : Chirurgia Plastica




Altri Servizi Chirurgici





Progetti prevenzione


Prevenire le patologie cardiache attraverso dei progetti di prevenzione è importante.
Le malattie cardiovascolari qua ...

[ SEGUE PROGETTO ]

Oggi con un semplice esame è possibile fare diagnosi e prevenire quasi tutte le patologie più comuni.
Un semplice prelie ...

[ SEGUE PROGETTO ]
Le patologie osteoarticolari colpiscono oggi fino al 70% degli anziani.

La Prevenzione e cura della colonna  ha come obiettivo quello di dare indicazioni utili per prevenire, curare e riequilibrare ev ...

[ SEGUE PROGETTO ]

Il Progetto Donna nasce dall'esigenza di essere vicino alla donna  nelle varie fasi della sua vita.
Attraverso i var ...

[ SEGUE PROGETTO ]
 
In controtendenza all'aumento dei ticket sulle visite e sensibili al concetto di prevenzione e diagnosi precoce, la [ SEGUE PROGETTO ]

Iscriviti alla nostra Newsletter
Sarai aggiornato sulle nostre iniziative